Zinco, review italiana chiarisce ruolo in caso di Covid-19

I risultati sono stati pubblicati su Advances in nutrition.

In premessa, gli Autori sottolineano come il razionale su un potenziale impiego di Zn++ nel Covid-19 si basi su diverse evidenze, a partire dalla potenziale attività antinfiammatoria nei confronti della risposta all’infezione a quella antivirale su una serie di agenti patogeni, inclusi i coronavirus. Inoltre, ribadiscono, si è visto come Zn++ svolga un ruolo centrale nella regolazione del funzionamento cerebrale, tanto che molti disturbi si associano a una sua carenza, comprese malattie neurodegenerative, disturbi psichiatrici e lesioni cerebrali.

“I risultati della nostra review suggeriscono potenziali applicazioni sia a livello preventivo che terapeutico”, concludono nella parte finale del lavoro. “Per quanto riguarda il primo aspetto, Zn++ è fondamentale per mantenere un corretto equilibrio del sistema immunitario e una sua carenza potrebbe essere considerata fattore predisponente all’infezione. Molti dati scientifici, infatti, dimostrano una correlazione tra stato individuale di Zn++ e una predisposizione alle malattie virali, in particolare di carattere respiratorio. In questa prospettiva, un’integrazione di Zn++ può essere utile per ridurre il rischio di infezione da Sars-coV-2, soprattutto nelle fasce di popolazione più fragili, come gli anziani, gli immunodepressi e i pazienti con malattie cardiovascolari. Per quanto riguarda il potenziale impiego terapeutico, studi in vitro hanno dimostrato che Zn++ è in grado di esercitare un effetto antivirale diretto contro i coronavirus, come Sars-CoV-2 e il virus dell’arterite equina. Questo micronutriente può quindi rappresentare un adeguato trattamento aggiuntivo ai farmaci attualmente somministrati per il Covid-19, in considerazione del suo specifico effetto inibitorio sulla replicazione intracellulare del virus. Infine, grazie alle sue proprietà neuroprotettive, Zn++ può avere effetti significativi sul danno neurologico correlato a Covid-19 e sui sintomi della malattia. La neuroprotezione avverrebbe attraverso diversi meccanismi. Innanzitutto, in virtù di un’attività antinfiammatoria sistemica, in grado di attenuare la tempesta citochinica che spesso accompagna il decorso della malattia. Con la capacità, poi, di modulare la funzione della barriera ematoencefalica, la cui permeabilità può risultare alterata nei pazienti Covid. Infine, preservando l’integrità delle cellule della mucosa nasale, rafforzando così la risposta immunitaria adattativa indotta dal tessuto linfoide locale”.

Nicola
fonte (http://www.nutrientiesupplementi.it)

Ruolo della farmacia, dal Report Pgeu emerge valore dei farmacisti

«Il Report – commenta Federfarma in una nota – parla di storie comuni evidenziando esperienze paradigmatiche, utili a far conoscere al grande pubblico il valore fornito dalle farmacie alle loro comunità. Il 2021 segnerà una pietra miliare nella storia della farmacia territoriale come un anno di resilienza e progresso. In tutta Europa, i farmacisti territoriali si sono uniti e hanno ampliato la loro azione per assistere pazienti, per proteggere l’accesso ai trattamenti e per fornire servizi sanitari alle loro rispettive comunità. In molti Paesi hanno svolto un ruolo chiave nella promozione delle campagne di vaccinazione Covid-19, assicurando nel contempo il successo delle strategie di test per frenare la diffusione del virus. Mentre la pandemia esercitava un’enorme pressione sui sistemi sanitari europei, i farmacisti comunitari hanno dimostrato di poter fare molto e che i pazienti possono contare su di loro, anche in tempi così difficili».

La professionalità e il coraggio dei farmacisti

Tra le testimonianze raccolte nel report, Federfarma ne riprende alcune particolarmente significative. Una di queste riguarda Fatima Zohra Khayar, una farmacista di Bruxelles di origini marocchine che, parlando l’Arabo, ha assistito molti pazienti che non conoscevano la lingua francese «La gente che non parla francese viene da noi spontaneamente» racconta la farmacista. «Vengono a cercare informazioni perché leggono e sentono tante notizie false. Io dico loro che per alcuni la vaccinazione è vitale. Che domani potrebbero finire in terapia intensiva». Nella farmacia di Fatima, lo scorso settembre sono state vaccinate 56 persone in un solo giorno.

Dopo la pandemia più coesione tra operatori sanitarie e farmaceutici

Le testimonianze sul campo vissute dai farmacisti europei non fanno che ribadire la posizione strategica della farmacia nell’ambito dei sistemi sanitari, come sottolinea Federfarma, parlando della pandemia: «Questa difficile esperienza ha sottolineato il ruolo delle farmacie territoriali, come risorse dei sistemi sanitari vicine ai cittadini pronte ad adattarsi per servire al meglio i pazienti. La pandemia ha creato una finestra di opportunità unica per un cambiamento nella politica sanitaria. Ma mentre ha allontanato le persone con le distanze sociali, maschere e schermi di plexiglass, ha anche fatto cadere molti muri, tra i ricercatori, le aziende farmaceutiche e tra gli operatori sanitari professionisti della salute. Ci ha dato la possibilità di rafforzare ancora di più la collaborazione tra le organizzazioni dei farmacisti e quelle di organizzazioni sanitarie oltre che con gli attori della supply chain, con l’obiettivo di garantire un’assistenza sanitaria di sempre maggiore qualità ai nostri pazienti».

(fonte GUACCI https://it.guacci.it/)

Termocriolipolisi

Contro gli accumuli di grasso resistenti alla dieta e all’esercizio fisico.

L’aspetto cutaneo camba dalla prima seduta così come la tonicità muscolare. La riduzione dell’adipe e della cellulite aumenta dopo ogni seduat e diventa molto evidente dopo 20/30 giorni di trattamento.

Dosaggio quantitativo anticorpi COVID-19

Il test misura il dosaggio quantitativo degli anticorpi totali (IgF, IgA IgM) anti RBD (Receptor Binding Domain) della Subunità S1 della proteina Spike, ovvero gli anticorpi che impediscono alla proteina Spike del nuovo Coronavirus di legarsi ai recettori presenti sulle cellule umane, di penetrare nelle stess e, quindi, di sviluppare la malattia.

Questo test non da informazioni temporali (non rileva quando eventualmente si sia contratta l’infezione), ma permette di sapere qual è il grado di immunizzazione, sia dopo una pregressa infezione, sia dopo il vaccino anti Covid-19 fatti almeno 3 settimane / 1 mese prima.

In 15 minuti si ha il responso.

Per informazioni o prenotazioni contattaci 0824 313568

Holter Cardiaco

Referti di ECG Holter in 48 ore, completi di segmenti caratteristici del tracciato in evidenza.

Dispositivo Lifecard CF*

Holter portatile che permette la registrazione a 3 derivazioni per 24/48 ore fino a 7 giorni:

  • Il sensibile circuito di rilevamento del pacemaker con un eccellente riconoscimento del rumore funziona in modo continuo, con prestazioni migliori rispetto ai metodi di rilevamento del pacemaker a 10000Hz
  • Capacità di registrazione vocale
  • Fino a 7 giorni di registrazione con una sola batteria e un’unica memory card
  • Completa integrazione con la piattaforma cloud Biotechwave
  • Dispositivo medico marchiato CE (CE 0123)

Per informazioni o prenotazioni contattaci 0824 313568